web statistics

subscribe: Posts | Comments

PROGETTI

I progetti in breve dal 1984 al 2019

Edificazione di dispensari/maternità:

1984Kubanao. In questo luogo la CEU ha costruito un dispensario-maternità, dove, per alcuni anni, hanno lavorato numerosi medici della Svizzera italiana, assicurando assistenza sanitaria alla popolazione della zona e contribuendo alla formazione del personale ausiliario locale.

.

1991-1994: Kalounayes. In questa regione, la CEU ha agito attivamente costruendo e ristrutturando degli ambulatori locali, edificando tre Postes de Santé (a Kubanao, Bourek e Ouniok) e 4 Cases de Santé (a Djlakoun, Boulandor, Santak e Kongoli) e ristrutturando diverse Cases de Santé in tutta la zona.

.

1995: Ziguinchor. Nel quartiere periferico più povero della città, il Gran Dakar, la CEU ha costruito una maternità, composta da una sala parto, un’ampia camera per le partorienti, un locale per le consultazioni, un deposito farmaci e una spaziosa veranda adibita a sala d’attesa con all’esterno docce e latrine. In questa maternità vengono alla luce una ventina di bambini al mese.

.

1999: Ziguinchor. La CEU questa volta ha agito nel nuovo quartiere precario di Belfort, garantendo l’edificazione di un dispensario-maternità, composto da due strutture gemelle indipendenti. La parte destinata alla maternità si compone di una camera con quattro letti, una sala-parto e un locale per la levatrice; il dispensario è composto di una camera, una farmacia, un locale per le visite e uno destinato alle infermiere responsabili del centro. Un’ampia veranda unisce i due blocchi. Docce e servizi igienici si trovano invece discosti dalla struttura, presso il muro di cinta.

.

2003: Mampalago. In questo luogo la CEU ha collaborato con dei groupements de femmes, all’interno del programma denominato Sindian, per costruire un dispensario maternità, con la finalità di contribuire al miglioramento delle condizioni sanitarie della popolazione rurale in generale e delle donne in particolare, per rispondere alle necessità della popolazione di Mampalago e quella dei villaggi vicini. Il progetto comprendeva la costruzione di due edifici distinti (un dispensario e una maternità) di due blocchi sanitari e del muro di cinta, piu la ristrutturazione del tetto del vecchio dispensario, che sarebbe poi stato adibito ad abitazione delle infermiere, farmacia e sala riunione/formazione..

.

2004: Badiouré. Anche dopo la realizzazione abbiamo avuto diversi contatti con l’infermiere responsabile e il groupement de femmes. La struttura funziona molto bene ed è ben curata.

.

2008: Ouniok. In seno al programma Sindian I I, la CEU ha promosso la costruzione del dispensario in collaborazione coi groupements de femmes. La struttura è stata inaugurata nel mese di maggio ed è dotata di un pozzo. Durante l’anno abbiamo provveduto a fornire l’illuminazione tramite pannelli solari, illuminazione che è stata fornita anche alla vicina scuola elementare.

.

 

Costruzione di scuole/ scuole dell’infanzia:

2000: Ziguinchor. Nel quartiere nuovo e precario di Belfort, la CEU decide di appoggiare la costruzione di una scuola elementare, dopo precisa richiesta dei genitori del posto, confrontati con l’assoluta mancanza d’infrastrutture scolastiche, in accordo con le autorità locali. Questa struttura ospita oggi circa 650 bambini, che la frequentano in due turni (uno la mattina, l’altro il pomeriggio). La scuola elementare è costituita di tre unità indipendenti, contenenti ciascuna due aule.

.

2001: Bignona. Nel quartiere di Médina Plateau, la CEU ha deciso, in seno al progetto chiamato Sindian, di costruire un asilo nido- scuola dell’infanzia, in accordo con il groupement de femmes di quella zona. Questa scuola dell’infanzia è costituita da 3 aule, un’aula docenti, un magazzino, una cucina e dei servizi igenici.

Gli obiettivi di questo progetto sono garantire la sorveglianza e offrire sicurezza ai bambini, offrire un’adeguata possibilità di socializzazione, garantire uno sviluppo armonioso durante l’infanzia e promuovere il coinvolgimento diretto della popolazione nella realizzazione del progetto.

.

2009: Sindian. In seno al progetto Sindian II (una continuazione del progetto precedente Sindian), la CEU ha promosso la costruzione di una scuola dell’infanzia per 50 bambini nel villaggio di Sindian, sempre in accordo con i groupements de femmes della regione e le autorità locali. È stata inaugurata nel mese di novembre 2009 ed è frequentata da ben 160 bambini della regione. Per dar spazio a tutti si fa capo all’aula docenti.

2013: A Silinkine CEU ha costruito una scuola dell’infanzia con uno spazio attrezzato nel cortile per giocare e una biblioteca per bambini.

.

 

Progetto d’appoggio al miglioramento della produzione ortofrutticola:

Questo progetto è fra i più importanti tra quelli attuati e sicuramento quello più attuato, in seno ai progetti Sindian e Sindian II.
Esso verte al miglioramento durevole delle condizioni di lavoro e dell’esistenze delle donne e in aumento quantitativo e qualitativo della produzione, per un contributo alla promozione economica e sociale del villaggio in questione.
Il progetto consiste essenzialmente nella pulizia del terreno, nell’acquisto di materiale, nella posa di recinzione del perimetro agricolo, nello scavo di pozzi, nell’istallazione di pompe idrauliche e nella costruzione di bacini di raccolta dell’acqua.
A dipendenza del progetto, lo stesso può essere realizzato anche in più tappe sull’arco di diversi anni.

I progetti sono stati attuati con successo a:
1998: Soutou, Mampalago, Badiouré
1999: Oulampane, Falmere
2000: Diattang, Django, Petit Koulaye

2003: Margoune
2004: Niassarang, Margoune, Badiouré, Oulampane, Soutou, Mampalago, Falmere
20052011: Francounda- Oussack- Taou (F.O.T.), Diattang, Djilonguia, Margoune, Mampalago, Niassarang, Oulampane

2019: Oulampane (groupement UFOB)

 

Nel corso degli anni, abbiamo sempre avuto difficoltà con le pompe. Negli ultimi anni abbiamo testato diverso materiale e pensiamo di aver trovato delle buone soluzioni con pompe solari. A febbraio 2010 sono state piazzate le pompe solari nei perimetri di Margoune e Mampalago e sono stati completati i bacini di raccolta dell’acqua. Durante l’anno 2010 verranno completati anche i perimetri di Niassarang e Diattang.

Per quanto concerne il perimetro di F.O.T., nel 2008, è stata piazzata una pompa a motore che funziona molto bene ma che abbiamo deciso di sostituire durante il 2010 con una solare in quanto non pone problemi di manutenzione.

 

Realizzazione Acquedotto Oulampane

2013-2019: costruzione di un pozzo (150m di profondità), dotato di un serbatoio sospeso con una capacità di 100 mc di acqua, dotato di pompa solare. Sono stati allacciati i villaggi di Marougoune, Bougoutoum I e II, Django e Bouto, posando 8’570 ml di condotte ed allacciando 124 rubinetti domiciliari. Ora circa 1’500 persone possono beneficiare di acqua potabile di qualità.

 

Progetti in corso

Progetto scuola materna Kagnarou

Con questo intervento, la CEU si propone venire incontro a un’esigenza concreta della popolazione locale che ha deciso di procedere con la realizzazione di una struttura per accogliere i bambini dai 3 ai 6 anni con lo scopo di facilitare il loro ingresso nella scuola primaria. Questo scopo è auspicato dal governo senegalese con “La politique de Developpement Intégré de la Petite Enfance (DIPE)”. I bambini che hanno frequentato la scuola dell’infanzia hanno infatti molto meno difficoltà di apprendimento degli altri e gli abbandoni sono praticamente azzerati. Malgrado gli sforzi intrapresi dallo stato senegalese nelle zone rurali e nei villaggi più discosti, le strutture sono spesso precarie e insufficienti per una prescolarizzazione accettabile.
Il progetto si prefigge di dare uno sbocco definitivo alle iniziative della comunità locale che ha messo in campo le poche risorse finanziarie disponibili per offrire ai propri bambini in età prescolastica un percorso formativo di base che prepari al meglio le nuove generazioni al percorso educativo.
I bambini fino allo scorso anno erano ospitati in una struttura precaria sul ciglio della strada non adatto e pericoloso. Per il 2020 il villaggio ha quindi deciso di usare provvisoriamente un’aula nella scuola primaria dove si tengono le lezioni raggruppando 3 sezioni: nell’anno scolastico in corso frequenta l’asilo un totale di 83 allievi (12+12+59).

Il progetto prevede la costruzione di un complesso edilizio che potrà finalmente ospitare in una struttura adeguata tre sezioni di asilo, fino a 40 bambini per sezione, ampliabile a cinque. Le aule, gli spazi amministrativi e gli spazi comuni saranno completati con arredo adeguato. L’edificio scolastico sarà anche dotato di una piccola biblioteca.
Lo spazio esterno verrà recintato e reso sicuro con un muro di cinta e attrezzato con giochi per i bambini.
Il complesso prescolastico verrà realizzato con mattoni ecologici di produzione locale. I mattoni vengono prodotti con una pressa manuale con un minimo contenuto di cemento. L’argilla, che è il materiale che costituisce il 70% del materiale per la produzione dei mattoni, viene reperita localmente. La loro messa in opera avviene a secco (senza apporto di malta).
Il progetto prevede la partecipazione attiva della popolazione del villaggio di Kagnarou fornendo manodopera non qualificata sul cantiere, l’approvvigionamento di quest’ultimo in sabbia, acqua e legname, così come vitto e alloggio alle maestranze impiegate sul cantiere.

Questa nuova struttura ecologica permetterà ai maestri assegnati dallo stato senegalese di poter svolgere il programma educativo previsto in condizioni logistiche, sanitarie e di sicurezza adeguate. I bambini beneficeranno così delle migliori condizioni per il loro sviluppo e la migliore preparazione all’ingresso nella scuola primaria.

Ristrutturazione infrastrutture agricole e sanitarie realizzate dalla CEU

La CEU è presente da quasi quarant’anni in Casamance, dove ha promosso progetti in ambito sanitario, scolastico e agricolo mediante la costruzione di dispensari, maternità, scuole elementari e dell’infanzia e l’allestimento di perimetri agricoli per la produzione ortofrutticola, affidati in gestione a gruppi di donne.

Tutte queste infrastrutture sono state realizzate in accordo con le autorità statali (con le quali la CEU ha sottoscritto un accordo di collaborazione), regionali e comunali e sono gestite in prima persona dalle popolazioni locali. Anche la manutenzione degli impianti e degli edifici è affidata ai comitati di gestione di villaggio, i quali, però, non sono in grado di far fronte con successo ai danni provocati dal normale deperimento dei materiali a causa delle precarie condizioni economiche in cui vivono. Da parte loro, le stesse autorità statali e regionali faticano a destinare risorse economiche per il mantenimento di scuole e centri di salute.

La CEU si fa quindi carico periodicamente di visitare le infrastrutture che ha contribuito a realizzare nel corso degli anni, cercando di assicurarne la manutenzione. Il progetto si inserisce in questa logica e persegue l’obiettivo di intervenire con opere di miglioria urgenti su quattro strutture: tre dispensari-maternità e un perimetro agricolo per la produzione ortofrutticola.

Il progetto prevede interventi di manutenzione e di miglioria delle quattro strutture seguenti, realizzate dalla CEU alcuni anni fa:

•        Rifacimento della recinzione del perimetro agricolo di Mampalago;

•        Ristrutturazione del dispensario-maternità di Mampalago;

•        Interventi di miglioria al dispensario-maternità di Bourek;

•        Rinnovamento del sistema d’illuminazione solare del dispensario di Ouniok.

Per il 2020 sono previsti la continuazione dei lavori di ristrutturazione del dispensario-maternità di Mampalago e di Bourek iniziati a fine dicembre 2019 e saranno realizzati i lavori per il dispensario di Ouniok