web statistics

Progetto acquedotto Oulampane fase III terminata

0 commenti

Acqua potabile per tutti -realizzata la terza fase (gennaio 2019)

Questa è la terza fase di un progetto a lunga gittata che ha come obiettivo finale di fornire acqua potabile di buona qualità alla popolazione della zona 1 (nove villaggi) della comunità rurale di Oulampane che riunisce 48 villaggi per un totale stimato di 18’000 abitanti.
La prima fase del progetto (vedi INFOCEU nr.46) ha riguardato la costruzione del pozzo (150m di profondità), di un serbatoio sospeso con una capacità di 100 mc di acqua, pompata con una pompa solare, la posa della rete idrica per il primo villaggio (Marougoune) e la creazione di un comitato di gestione della struttura. La seconda fase (vedi INFOCEU nr. 53) ha visto l’estensione della rete idrica a due ulteriori villaggi (Bougoutoum I e II).
I lavori preparatori per la terza fase si sono svolti nei primi mesi del 2018 mentre il cantiere vero e proprio ha occupato gli ultimi quattro mesi dell’anno.
Queste prime fasi del progetto hanno portato alle popolazioni coinvolte (circa 3’000) un cambiamento radicale delle abitudini quotidiane. Ora, le donne e i bambini non devono più dedicare del tempo prezioso per approvvigionare l’economia domestica di acqua da utilizzare per le più svariate attività: bere, igiene personale, lavare ortaggi, cucinare, lavare vestiti, bagnare piante e orti o nella costruzione. Anche gli allevatori di bestiame hanno sempre a disposizione acqua di qualità per i propri capi di bestiame, migliorando la produttività.
La gestione della struttura fin qui costruita avviene in maniera trasparente e senza particolari problemi.

Il miglioramento generale delle condizioni di salute della popolazione sarà percettibile solo fra qualche tempo tramite il monitoraggio dell’effettiva diminuzione delle malattie legate al consumo di acqua di dubbia qualità e il generale miglioramento della salute della popolazione, in particolare quella infantile. Il progetto, che, come detto, coinvolge i nove villaggi presi in considerazione per lo sviluppo della rete idrica, continua a suscitare l’interesse di tutta la popolazione e le comunità locali che ancora non sono servite dalla struttura chiedono che la rete idrica venga ampliata anche nei loro villaggi. La partecipazione a titolo volontario e gratuito della popolazione nei lavori di manovalanza legati alla costruzione della rete idrica è stata esemplare. Tutte le famiglie potenzialmente toccate dal progetto sono riuscite a pagare la tassa pattuita per la fornitura del proprio allacciamento privato. Questi sono chiari indicatori dell’appropriazione del progetto e del successo dell’approccio partecipativo delle comunità locali alla realizzazione dello stesso.

Sintesi fase III estensione della rete idrica ai villaggi di Django e Bouto:


 8’570 ml di condotte posate
 124 rubinetti domiciliari allacciati
 1452 persone che beneficiano di acqua potabile di qualità
 3 rubinetti comunitari nelle scuole
 694 allievi di scuola che beneficiano di acqua potabile di qualità
 3 abbeveratoi per animali costruiti
 Circa 150’000.- CHF di investimento grazie al sostegno della DSC, AIL, Repubblica e Canton Ticino, Comune di Bioggio, Comune di Vezia e di una fondazione privata


Il serbatoio d’acqua che serve i diversi villaggi nel comune di Oulampane
Topografia del terreno per l’estensione della rete idrica
Progetto di rete di approvvigionamento idrico
Scavi effettuati dalla popolazione per portare l’acqua al villaggio di Django
Posa delle tubazioni idriche
Pozzetto di ispezione
Il primo rubinetto installato nel villaggio di Django
L’acqua scorre!
Altre famiglie che beneficiano dell’acqua potabile
Fontana presso la scuola


Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.